Mi recherò alla Moschea dei Musulmani; entrerò nella Chiesa dei Cristiani
  e mi inginocchierò dinanzi al crocefisso; entrerò nel Tempio Buddista per
trovare rifugio in Budda e nella sua Legge. Andrò nella foresta e mi   
  siederò in meditazione con l'Indù che ricerca la Luce che illumina ogni
     cuore. Non solo farò tutto questo ma lascerò il mio cuore aperto e
disponibile per tutto ciò che potrà avvenire in futuro.
(Svami Vivekánanda)

Attività 

 

 

Pagina aggiornata il 23 settembre 2014

La Ramakrishna Mission è un'organizzazione che forma il cuore di un movimento spirituale mondiale che ha come scopo lo sviluppo dell’armonia fra le religioni, l’armonia fra Est ed Ovest, l’armonia fra l’antico e il moderno, la realizzazione spirituale, lo sviluppo ovunque delle facoltà umane, dell’eguaglianza sociale, e della pace per tutta l’umanità, senza alcune distinzione di credo, casta, razza o nazionalità.

Il Ramakrishna Mission è riconosciuta dallo stato indiano, che raccoglie insieme laici e monaci, e opera nelle zone più disagiate del mondo fornendo ogni tipo di assistenza alle popolazioni in difficoltà. In Europa ha delle sedi permanenti in Francia, Olanda, Svizzera, Germania e Gran Bretagna.

In Italia da circa un decennio si svolgono incontri con Swami Veetamohananda, Priore del Centre Vedantique Ramakrishna di Gretz (Parigi). Da questi preziosi semi posti da Swamiji ha preso vita la Ramakrishna Mission-Associazione Italiana che promuove ritiri e seminari nel territorio nazionale.

Per coloro che si avvicinano per la prima volta al movimento Ramakrishna e allo Swamiji vi proponiamo di leggere la traduzione di un brano di Swamiji contenuta nella homepage dell'Asram di Gretz.


A Torino, in questi recenti anni, è maturato, in un gruppo di persone, la volontà di approfondire la conoscenza del Vedanta. Così aderendo alle finalità della Ramakrishna Mission si è formata a Torino l'associazione Gruppo Vedanta Lila riconosciuta dalla Ramakrishna Mission di Gretz (Parig). Il nome prescelto dal Gruppo Vedanta di Torino è Lila, il termine sanscrito indica il gioco, il "Giuoco divino" che viene percepito dai nostri sensi come l'intera Manifestazione. Lila rappresenta: "la presenza della Divinità quale Principio autonomo non coinvolto nel divenire della sua stessa proiezione." (Collezione Vidya, Glossario Sanscrito, Ed. Vidya, Roma 1988).

Nel link trovate la spiegazione dell' Emblema dell'ordine di Ramakrishna

"Non è dato a tutti noi formare in armonia il nostro carattere in questa vita, tuttavia è certo che il tipo di carattere umano più elevato, è quello in cui questi tre principii, conoscenza, amore e yoga, sono armoniosamente fusi. Tre cose sono necessarie ad un uccello per il suo volo due ali e una coda che serva da timone. Il Jnana (conoscenza) è un'ala, la Bhakti (amore) è un'altra, e lo Yoga (unione) è la coda che mantiene l'equilibrio". (Vivekananda)

 

Organizzazione

(a cura di Bodhananda)

Il Ramakrishna Mission è una organizzazione che forma il cuore di un movimento spirituale mondiale che ha come scopo lo sviluppo dell’armonia fra le religioni, l’armonia fra Est ed Ovest, l’armonia fra l’antico e il moderno, la realizzazione spirituale, lo sviluppo ovunque delle facoltà umane, dell’eguaglianza sociale, e della pace per tutta l’umanità, senza alcune distinzione di credo, casta, razza o nazionalità.

Il Ramakrishna Mission è una organizzazione riconosciuta dallo stato indiano, che raccoglie insieme laici e monaci, e opera nelle zone più disagiate del mondo fornendo ogni tipo di assistenza alle popolazioni in difficoltà. In Europa ha delle sedi permanenti in Francia, Svizzera, Germania e Gran Bretagna.
L’Italia da diversi anni ospita gli incontri con Swami Veetamohananda, Presidente del Centre Vedantique Ramakrishna di Gretz (Parigi). L’azione di insegnamento di questa filosofia che abbraccia i tanti e diversi culti dell’India non è la sola azione che viene portata avanti dal Ramakrishna Mission, infatti secondo l’intenzioni del suo fondatore Swami Vivekananda la propria liberazione spirituale avviene attraverso il servizio agli altri; lo stesso principio espresso da una delle grandi figlie adottive dell’India, Madre Teresa di Calcutta. Per questo motivo, oltre all’educazione alle pratiche dello spirito, a prescindere dal proprio culto di appartenenza, il Ramakrishna Mission svolge diverse attività, alcune delle quali qui di seguito elencate:

- Ospedali: 15 Ospedali con 2032 letti, 113.373 pazienti ricoverati, 2.263.932 pazienti esterni.

- Dispensari: 120 dispensari hanno curato 3.657.011 pazienti esterni.
- Unità mediche mobili: 46 unità (ognuna con ambulanza e personale medico e paramedico) hanno trattato 1.511.815 casi.
- Ospedali da campo: sono stati resi operativi 56 ospedali da campo che hanno operato gratuitamente 3279 pazienti di cateratta. A parte questi sono stati organizzati campi per la salute in generale, controlli dentali, cura dei bambini.
- Scuole per infermiere: ci sono delle scuole abbinate a 5 ospedali che hanno addestrato 402 infermiere.
- Due case di riposo per anziani.
- Centri di ricerca medica, un sanatorio per tubercolosi, un lebbrosario.
- Collegi universitari: 6 collegi con 8512 studenti.
- Collegi di sanscrito: 1 con 28 studenti.
- Collegi di formazione insegnanti: 5 con 752 insegnanti.
- Istituti di insegnamento base per giovani: 5 con 537 studenti
- Scuole medie superiori: 21 con 24.004 studenti
- Scuole medie secondarie: 38 con 18.776 studenti
- Scuole di sanscrito: 3 con 566 studenti
- Scuole di vario livello: 361 con 37.953 studenti
- Politecnici: 4 con 1718 studenti
- Scuole tecniche e industriali: 6 con 703 studenti
- Ostelli e case dello studente: 119 con 16.385 ospiti.
- Orfanotrofi: 6 con 844 ospiti.
- Istituti di agricoltura: 3 con 1.029 studenti.
- Scuole di lingue: 80.390 studenti
- Scuole di informatica: 2 con 846 studenti.
- Centri per disabili: 2 con 269 ospiti.
- Istituti di sviluppo rurale: 4 con 9487 studenti
- Centri di educazione informale: 270 con 16.799 studenti.
(Informazioni tratte dal “The General Report of Ramakrishna Math & Mission – April 2003- March 2004”).

Gli anni trascorsi hanno mostrato come nonostante in India siano presenti centinaia di culti e religioni fra loro diverse, l’azione del Ramakrishna Mission & Math, avulsa da ogni opera di proselitismo, si è sviluppata trasversalmente fornendo ogni tipo di supporto alle necessità delle popolazioni dell’India, fornendo supporto educazionale, di formazione, umanitario, sociale, filosofico, morale e di protezione civile.

Ritorna alla Home